Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Zettel presenta: Rawls e la teoria della giustizia – Sebastiano Maffettone

Nella nuova puntata di Zettel presenta ‘Il caffè filosofico’ Sebastiano Maffettone analizza la figura di John Rawls, il più grande filosofo politico del ’900, un personaggio paragonabile ad Aristotele, ad Hobbes, a Kant, a Locke.

Rawls nasce a Baltimora, nel Maryland, il 21 febbraio 1921, da una famiglia originaria del sud degli Stati Uniti: questo spiega il suo continuo, permanente interesse per la questione razziale negli USA.

Ed il problema razziale costituirà la base per le sue riflessioni politico-filosofiche che lo porterà ad elaborare la nozione che lo ha reso più noto, vale a dire il concetto di posizione originaria, concetto che troverà la sua maturità definitiva in Una teoria della giustizia del 1971.

Figlio di un importante avvocato, John Rawls vive in una famiglia di credo democratico, un ambiente sensibile all’uguaglianza e alla giustizia.

Durante l’infanzia il piccolo John perde due dei quattro fratelli a causa di infezioni che lui stesso gli aveva trasmesso. Questi eventi lo shoccano a tal punto da provocargli una leggera balbuzie per tutta la vita.

Rawls frequenta l’università di Princeton e durante la Seconda guerra mondiale è nell’esercito americano in Nuova Guinea, nelle Filippine e in Giappone dove assiste agli effetti delle bombe nucleari su Hiroshima. Molto colpito dall’evento, lascia l’esercito nel 1946 e torna a Princeton per ottenere un dottorato in filosofia morale.

Nel 1952 ottiene una borsa di studio per l’università di Oxford dove entra in contatto con le idee del grande filosofo liberale Isaiah Berlin e del filosofo analitico del diritto Herbert Hart.

Tornato negli Stati Uniti, inizia la sua carriera di docente a Harvard. Nella prestigiosa università è il maestro di Thomas Nagel, Tim Scanlon e altri tra i più noti filosofi contemporanei.

Anche dopo il successo che segue la pubblicazione dell’opera Una teoria della giustizia, del 1971, Rawls rifiuta il ruolo di intellettuale pubblico e qualsiasi riconoscimento. Solo Bill Clinton riesce ad assegnargli una medaglia per le scienze umane nel 1999.


In seguito a un infarto, Rawls è costretto ad abbandonare le amate aule universitarie; muore per un arresto cardiaco nella sua casa di Lexington, vicino a Boston, il 24 novembre 2002.
 

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo