Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Zettel Debate. Puntata 5: Animali

Gli animali soffrono come noi?

 

Il quesito più importante cui si giunge quando si parla dei diritti degli animali è quello del dolore. Le posizioni animaliste sostengono che gli animali provano dolore, e non possiamo infliggere sofferenza a un altro essere vivente solo perché ci serve: hanno i nostri stessi diritti. Le posizioni "umaniste" dicono, al contrario, che il dolore degli animali sia differente da quello degli uomini e che, quindi, anche il nostro atteggiamento morale verso di loro debba essere differente. A sostegno della prima posizione abbiamo dei filmati di repertorio, a sostegno della seconda abbiamo un'intervista.

Defez: l'impatto ecologico delle coltivazioni
L'agronomo Roberto Defez del Cnr di Napoli ci spiega in che modo le coltivazioni intensive dei vegetali possano avere un impatto molto dannoso sull'ambiente. Se da una parte,infatti, le coltivazioni biologiche richiedono concimi di origine animale (che provengono dagli allevamenti intensivi, molto poco "ecologici") dall'altra le coltivazioni non biologiche richiedono un'enorme quantità di fosfati, che sono parimenti inquinanti. Per quanto riguarda le fibre tessili, inoltre, ci ricorda come le coltivazioni di cotone assorbano un'enorme quantità di diserbanti e anticrittogamici: un consumo che si potrebbe diminuire, ad esempio, con il cotone Ogm.

Pollo: sperimentazione e diritti animali
Il filosofo Simone Pollo - che insegna Bioetica alla Sapienza, Università di Roma - illustra l'attuale situazione, in particolare quella europea, riguardo il coinvolgimento di animali nella sperimentazione medica. La questione dei loro diritti è entrata nel dibattito e nella pratica della sperimentazione, modificando di molto le leggi al riguardo e riducendo il numero delle cavie. Alcuni tipi di sperimentazione, però, ancora richiedono gli animali, nella speranza che in futuro la situazione possa migliorare ulteriormente.

Nucci: compassione vs morale
Lo scrittore Matteo Nucci non nega affatto che gli animali provino dolore, ma sostiene che la loro sofferenza sia differente dalla nostra in base a un importante elemento: la parola. Noi possiamo comunicare il nostro dolore a parole, mentre gli animali non possono. Questo implica che gli esseri umani richiedono un coinvolgimento più "attivo", più consapevole nella loro sofferenza. Verso il dolore degli animali possiamo provare compassione. E la possiamo provare anche verso gli uomini. Ma non basta, perché verso i nostri simili c'è il dovere di un atteggiamento più complesso, ossia un atteggiamento morale

Inviaci
il tuo
video

Inviaci
il tuo
video

Extra

I dibattiti in classe

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo