Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Bartezzaghi: le regole del gioco

Cosa ci spinge a giocare? Il saggista e giornalista Stefano Bartezzaghi - autore del recente La biblioteca di Babele. Dal dado al social network. A che gioco stiamo giocando? (UTET, 2016) - parte dalla riflessione di Roger Caillois per catalogare gli impulsi che ci portano al gioco: l'alea, l'agon, il travestimento e la vertigine. Bartezzaghi fa notare come ci siano giochi che implicano un maggior dispendio di energia (quelli che appartengono alla "vertigine", come l'altalena) e altri che hanno un sistema di regole molto formalizzato (come gli scacchi, riferibili all'agon). Il gioco è inoltre determinato dalla competenza (ossia la conoscenza delle regole che lo definiscono) e la libertà che il giocatore ha nell'interpretare tali regole attraverso la sua performance. Una dialettica riscontrabile in molte altre attività e caratteristiche dell'uomo. Il gioco non è quindi un "mettere tra parentesi" la realtà (si gioca per scherzo, si vive sul serio) quanto piuttosto un altro livello di realtà, tramite cui è più facile rivelare i modi in cui viviamo la vita quotidiana.

 

Dalla quarta di copertina del libro:

Esiste una definizione unica di gioco? Stefano Bartezzaghi, fedele alla lezione dei suoi "padri giocatori" - da Umberto Eco a Giampaolo Dossena, da Johan Huizinga a Ludwig Wittgenstein a Roger Caillois -, ci mostra che quella del gioco è una dimensione screziata, molteplice, cadenzata da continue oscillazioni. Costantemente in bilico tra regole e libertà, tra realtà e finzione, il gioco è oscillante quanto pervasivo. Ne ritroviamo elementi nelle narrazioni, nella moda, nel design "user friendly", nel tempo tradizionalmente dedicato al lavoro, nei linguaggi e nei comportamenti sociali, perfino nel terrorismo: i wargames strategici sono diventati negli anni così rilevanti per il reclutamento dei professionisti della guerra che perfino l'Isis attira e addestra i suoi adepti con videogiochi come Call of Duty. Di gioco, o meglio di ludico, sono intrise poi le relazioni che tutti intratteniamo online, ricche come sono di toni semiseri, tormentoni virali, emoticon, ironia e naturalmente inviti, spesso molesti, a qualche nuovo gioco sui social network. La nostra realtà assomiglia sempre di più a una "ludoteca di Babele", in cui la cultura di massa ha instaurato a tutti i livelli un regime semi-giocoso che impone di riformulare non solo i rapporti fra gioco e realtà ma le loro stesse definizioni. Con e-book scaricabile fino al 31-/12-/2016.

 

L'intervista è stata realizzata durante la settima edizione di Dialoghi sull'Uomo, che si è tenuto a Pistoia dal 27 al 29 maggio 2016 e il cui tema è stato “L’umanità in gioco. Società culture e giochi”. 
http://www.dialoghisulluomo.it/intro

 

Stefano Bartezzaghi è docente di Semiotica e di Teorie della Creatività e direttore del master di giornalismo alla Iulm di Milano; dirige Il senso del ridicolo, festival di Livorno sull’umorismo, e ha scritto la prima storia del cruciverba: L’orizzonte verticale. Ha curato e commentato la nuova edizione degli Esercizi di stile di Raymond Queneau. Fra i suoi altri libri: L’Elmo di Don Chisciotte. Contro la mitologia della creativitàScrittori giocatoriM. Una metronovelaIl falò delle novità. La creatività al tempo dei cellulari intelligentiLa ludoteca di Babele.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo