Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Licata: la natura nel `900

Il fisico Ignazio Licata spiega come è cambiata la visione della natura da parte della fisica novecentesca rispetto ai secoli precedenti. Abbandonata l'idea di un "universo-macchina" - del quale si poteva descrivere perfettamente la struttura, e ogni funzione a partire da quella struttura - il mondo naturale è ora visto come una pluralità di comportamenti che ci spinge ad assumere strategie cognitive differenti. Abbiamo quindi lasciato da parte una teoria del tutto capace di "zippare" ogni singola informazione sull'universo e ci siamo orientati verso una informazione più contestuale, che poi è uno dei risultati della meccanica quantistica.

A tal fine è stato fondamentale anche il Principio di indeterminazione di Heisenberg. Il fatto che noi non possiamo conoscere contemporaneamente la posizione e la velocità di un elettrone - che, detto in termini molto stringati, è alla base del principio -  si rivela infatti come la prima pietra miliare di un cammino che ha portato verso lo studio della complessità. In base alla complessità non dobbiamo andare alla ricerca di teoria isomorfe al mondo, quanto piuttosto dobbiamo scegliere quelle teorie capaci di illuminare una certa porzione di mondo.

Infine Licata spiega come questa maggiore attenzione verso la complessità possa portare a una maggiore sensibilizzazione verso l'ambiente, perché si acquisisce la consapevolezza che ciò che compio localmente può avere effetti globali.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo