Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Lorenzo Magnani: logica e possibilità

Di cosa si occupa, fondamentalmente, la logica? Secondo Lorenzo Magnani si occupa di studiare i ragionamenti in modo che, partendo da premesse vere, si arrivi a conclusioni ugualmente vere. Ci sono argomentazioni umane che hanno a che fare con locuzioni del tipo "è possibile che..." oppure "è necessario che...": per poterle gestire dal punto di vista logico bisogna abbandonare la logica classica ed entrare nell'ambito della cosiddetta logica modale, al fine di preservare la verità pur con operatori che hanno a che fare con la necessità o la possibilità.

Nata nel 1900, la logica modale risponde all'esigenza di includere tali operatori e la sua semantica è costruita secondo le specifiche dei cosiddetti "mondi possibili". Ad esempio una certa cosa diventerà "necessaria" se sarà vera in tutti i mondi possibili; se invece sarà vera solo in alcuni di tali mondi allora verrà chiamata "possibile".

Dal punto di vista della logica, la possibilità che una cosa sia vera è molto ampia, tanto che possiamo affermare: "è possibile che gli asini volino". Dal punto di vista fisico, però, la possibilità che una cosa sia vera è più ristretta, perché dipende dalla sua realtà empirica, scientifica. Nell'ambito della metafisica, invece, si immagina che qualcosa sia reale (possibile) e viene postulato come vero da un punto di vista filosofico. I primi due tipi di possibilità hanno una dimensione razionale, mentre il terzo appartiene di più alla dimensione filosofica.

La logica modale ha avuto diverse applicazioni pratiche. Nell'ambito dalla computer science, ad esempio, ha insegnato alle macchine come imitare ragionamenti umani molto complessi. La logica epistemica, la logica deontica e la logica temporale, tutte derivate in qualche modo da quella modale, hanno anch'esse trovato diverse applicazioni all'interno degli studi sull'intelligenza artificiale.

Lorenzo Magnani su Wikipedia

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo