Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Wu Ming 2: il sentiero luminoso

Camminare, come atto di conoscenza e atto politico: ne Il sentiero luminoso (Ediciclo editore 2016) Wu Ming 2  torna a camminare lungo il tracciato dell’Alta Velocità Ferroviaria, da Bologna a Milano. Un percorso che è scoperta e che ci racconta un paese alternativo, dove la comprensione arriva tramite l'atto fisico di porre un piede dopo l'altro.

L'intervista è stata realizzata durante la rassegna BookCity edizione 2016: bookcitymilano.it/

Dalla quarta di copertina del libro:
Dopo il successo de Il sentiero degli dei, Wu Ming 2 torna a camminare lungo il tracciato dell’Alta Velocità Ferroviaria, da Bologna a Milano.
Un viaggio a piedi tra i capannoni industriali,
l’umido dei fossi e le grasse campagne della Grande Pianura: una nuova sfida per la difesa del diritto al paesaggio e alla viandanza.
Storie, aneddoti, leggende: un libro sul territorio, un alfabeto dei luoghi, una scrittura collettiva di un ecosistema.
È possibile attraversare a piedi la Grande Pianura, senza farsi investire da un autoarticolato? E quante storie si possono incontrare, scritte sulla terra tra Bologna e Milano? È proprio vero che «in pianura il TAV non ha fatto danni » e «tanto l’ambiente era già degradato»? 
Esiste un’altra Padania, oltre i capannoni e l’umido dei fossi, i campi di granturco e la noia piatta? Dopo aver camminato da Bologna a Firenze, sui crinali dell’Appennino e tra le pagine de Il sentiero degli dei, Gerolamo torna, zaino in spalla, per unire a forza di passi due grandi città italiane: Bologna e Milano, da Piazza Maggiore a Piazza Duomo. Questa volta, però, non c’è un sentiero già tracciato, non ci sono i segnavia biancorossi del CAI e nemmeno le carte da escursionisti al 25.000. Gerolamo deve costruirsi il percorso un metro dopo l’altro: raccoglie indicazioni su luoghi d’interesse e strade bianche, frequenta forum di viandanti e biciclettari, visita i geoportali di Emilia Romagna e Lombardia, passa le notti su mappe digitali e satellitari, impara tutto quel che c’è da sapere sui navigatori GPS. E quando alla fine parte, scopre che per arrivare a Milano gli toccherà commettere diversi reati, dalla violazione di domicilio all’invasione di terreno. Eppure procede, in una rinnovata sfida contro l’Alta Velocità ferroviaria e il consumo del suolo, deciso a rivendicare il proprio diritto al paesaggio e alla viandanza.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo